We throw light on your darkest fear

Ultima

Il Chupacabra.

Beh, via il dente via il dolore, ho deciso di iniziare ad affrontare i casi di creature misteriose più famosi al grande pubblico, in questo modo potrò aprire una nuova rubrica dedicata agli avvistamenti, che sarà la parte meno seria del blog.

Vorrei cominciare questa rassegna dei “big” con uno dei più grossi spauracchi dell’America Latina da circa quindici anni, ovvero il Chupacabra.

Sarà abbastanza complicato parlarne in maniera ordinata perchè, pur essendo una creatura entrata nell’immaginario collettivo relativamente da pochi anni, i (tanti) avvistamenti sembrano descrivere parecchie creature diverse tra loro: l’articolo cercherà quindi di dare una spiegazione al “fenomeno” Chupacabra, esaminando le varie teorie, molte delle quali a mio parere assurde ma che citerò per dovere di cronaca.

Il nome.

Iniziamo dal nome, perchè “succhiacapre”?

Se, come vedremo, le testimonianze sono parecchio discordanti sull’aspetto di questo essere ben altra storia riguarda a triste sorte delle vittime del nostro “Chupi”: a partire dagli anni sessanta, prevalentemente nei Paesi dell’America Centrale, cominciarono a spuntare casi di bestiame uccisi in circostanze misteriose e dissanguati. Più passava il tempo e maggiori erano i particolari che coincidevano nonostante la distanza tra le varie vittime, caratteristici ad esempio i tre fori trovati sui cadaveri, all’altezza del collo o del ventre.

Ma l’esplosione del fenomeno arriverà solo nel 1995 e più precisamente a Porto Rico: otto pecore vengono trovate dissanguate con i caratteristici tre fori sul ventre e qualche mese più tardi una testimone, tale Madelyne Tolentino, afferma di aver visto la creatura con i suoi occhi nei pressi di Canovanas, cittadina nella quale erano recentemente morti circa 150 capi di bestiame in circostanze analoghe.

L’isteria collettiva comincia a prendere il sopravvento anche per un altro motivo: nel 1975 circa episodi simili si riscontrarono nella vicina cittadina di Moca attribuendo i massacri ad una ipotetica creatura poi chiamata il vampiro di Moca.

Per quanto riguarda il nome Chupacabra sembra che a coniarlo sia stato un comico di Porto Rico, un certo Silverio Perez: purtroppo per i vari allevatori e contadini del luogo la morte del bestiame è tutt’altro che una barzelletta, che poi sia una creatura di fantasia o meno il responsabile poco cambia.

L’aspetto.

Ma qual è il fantomatico aspetto di questo misterioso assassino di capre?

Beh, qui iniziano i problemi, mentre per altri casi più famosi come i soliti Nessie e Bigfoot c’è perlomeno una certa coerenza tra le testimonianze, qui siamo di fronte a racconti totalmente diversi l’uno dall’altro: l’evoluzione del Chupi è cambiata drasticamente nel giro di appena 15 anni.

“Nasce” come una creatura che cammina su due zampe, simile a un rettile con grossi occhi rossi, alta circa un metro, con aculei che partono dalla testa e scendono in linea fino all’estremità della schiena: poi chissà per quale strano motivo è avvenuto un cambiamento, si è passati  ad un qualcosa di più simile a un canguro fino ad arrivare all’attuale convinzione che il Chupacabra sia una strana forma di canide mutata, naturalmente o artificialmente come vedremo tra poco. Infine c’è una versione che lo vede molto vicino ad un pipistrello vampiro.

E le piccole  variazioni, a leggere le testimonianze, sono infinite, l’unico punto di contatto è il risultato finale sulle vittime, dissanguamento e 2-3 fori sul collo o sul ventre.

Loren Coleman è un rinomato studioso di criptozoologia e da anni sta sudiando (tra gli altri) il mistero del Chupacabra: Coleman afferma quanto sia stato dannoso questo gioco del telefono, si è passati dalla forma eretta di un rettiloide a quadrupedi appartenenti a famiglie di canidi. Oggi è quasi impossibile assistere a casi che ricordino il primo tipo di Chupacabras forse anche perchè…

Le vere origini?

Benjamin Radford ha recentemente ripreso in mano le prime testimonianze degli avvistamenti di Porto Rico e ha cominciato ad indagare in maniera più approfondita sulla veridicità di certe affermazioni e ha scoperto che…

Nel 1995 a Porto Rico arriva nelle sale il film Species: il personaggio interpretato da Natasha Henstridge è un alieno che somiglia incredibilmente alla prima descrizione data dalla testimone oculare Tolentino. Questo fatto, unito all’isteria dei precedenti episodi legati al vampiro di Moca, ha generato il mito del Chupacabra: la descrizione di un mostro che dissangua il bestiame ha velocemente preso piede nella rete e anche gli avvistamenti hanno cominciato a diffondersi al di fuori di Porto Rico.

Le teorie.

Le supposizioni sulle origini del Chupacabra sono tantissime, alcune più plausibili, altre totalmente inverosimili, perlomeno per i non appassionati di paranormale e ufologia.

Partiamo proprio da queste ultime che, ricordo, van prese con le pinze, magari lasciandosi sfuggire un sorriso.

Dal punto di vista delle teorie aliene ne abbiamo principalmente due: la prima è la classica, ovvero che il Chupi sia un extraterrestre dotato di intelligenza superiore a tutti gli effetti mentre la seconda è che la creatura non sia nient’altro che… un animale di compagnia lasciato sul pianeta dai visitatori alieni e poi dimenticato prima di ripartire.

Generalmente gli avvistamenti di questo tipo associano alla creatura anche aggiuntivi poteri come la capacità di balzi enormi, mimetizzazione, levitazione, telecinesi e capacità ipnotiche e di lettura del pensiero.

Investigando un po’ ho scoperto come Porto Rico sia terreno fertile per questo genere di teorie e per l’ufologia in generale per un particolare motivo (sempre secondo gli “esperti”/appassionati): a circa 15 Km dalla cittadina omonima sorge uno dei più grandi radiotelescopi del pianeta, l’osservatorio di Arecibo. Oltre ai vari utilizzi più prettamente scientifici, nel 1974 è stato mandato un messaggio particolare (detto appunto messaggio di Arecibo) con l’intento di stabilire un contatto con popolazioni extraterrestri. L’ipotesi di molti ufologi è che questo messaggio sia arrivatoe che il Chupacabra ne sia la conseguenza.

Altra ipotesi abbastanza fantasiosa è che il Chupacabra sia una creatura interdimensionale, abitante cioè di una dimensione parallela: sarebbe proprio questo il motivo per cui non si riesce a trovare una traccia concreta dopo ogni massacro di bestiame…

Ma il ricettario di ipotesi è vasto e ne abbiamo per tutti i gusti, non mancano infatti le classiche cospirazioni governative, due delle quali meritano qualche parola a parte.

Come detto Porto Rico è la “patria” del Chupacabra e vanta il maggior numero di avvistamenti: uno dei motivi possiamo farlo risalire al laboratorio di El Yunque. Situato nella foresta omonima ha condotto sperimentazioni di vario tipo sin dagli anni 60, compreso lo studio degli effetti del cosiddetto Agente Arancio. Anche qui è comprensibile come la paura per qualcosa che non si capisce tenda trovare spiegazioni in quello che si ha intorno. E così l’esperimento genetico sfuggito alla CIA diventa una teoria perfettamente plausibile per spiegare l’esistenza del Chupacabra…

Ma Porto Rico non mantiene l’esclusiva per molto e nel 2000 il Cile si trova davanti al dramma del Chupacabra, o perlmeno davanti al dramma delle vittime dello stesso…

Nel piccolo villaggio di Calama si assiste ad una vera e propria strage di animali in stile Chupacabra e se per alcuni abitanti del luogo il tutto viene preso in maniera scherzosa i poveri allevatori, che vedono la loro forma di sostentamento devastata in questo modo, sono piuttosto disperati. Viene così allertata la guardia nazionale e centinaia di soldati vengono spediti alla ricerca di qualunque cosa abbia provocato quei danni. Non riuscendo a trovare un colpevole il governo comunica che molto probabilmente si è trattato di cani selvatici: gli allevatori non la prendono benissimo e nei mesi a seguire arriveranno addirittura a sparare agli aerei governativi di passaggio.

Un'opera dell'artista Takeshi Yamada

Viene così attribuita la nascita della creatura alla NASA che si sarebbe fatta sfuggire un esperimento genetico finito male: l’agenzia spaziale chiaramente negherà tutto ricordando come ogni volta ci sia stato un mistero inspiegabile che avesse a che fare con ufo e alieni ci passassero di mezzo loro.

Cuero, coyote e rogna…

Come detto il Chupacabra viene esportato e raggiunge ben presto stati come la Florida, il Maine e soprattutto il Texas.

Finora ho evitato di fare un elenco di tutti gli avvistamenti della creatura perchè è davvero impossibile, sono decine e decine.

E’ interessante però parlare dei casi di Cuero perchè prendono in considerazione tutta quella fascia di segnalazioni che hanno fatto evolvere il Chupacabra da rettiloide bipede a canide.

Nell’agosto del 2007 una certa Phylis Canion trova nei pressi del suo ranch tre cadaveri che non riesce a identificare: scatta varie foto e taglia la testa di una di queste (!) per metterla nel freezer e consegnarla a degli esperti. Vari esami confermeranno poi che non si tratta nient’altro che un caso di coyote affetto da forma gravissima di rogna. La trasmissione Voyager fece una puntata sull’argomento dichiarando con enfasi che il Chupacabra era stato finalmente scoperto, voglio segnalarvi quindi queste dichiarazioni di Lorenzo Rossi (criptozoologo e creatore del maggior sito italiano sulla disciplina) sul caso in questione con l’analisi della puntata.

Un anno dopo un agente di polizia della stessa cittadina filma una strana creatura dalla sua macchina: è uno di quei casi che mi affascinano, è evidentemente un falso ma adoro guardare questi filmati sfuocati pur convincendomi che non ci sia un briciolo di verità e che siano costruiti a tavolino.

Conclusioni.

In ogni caso si è forse arrivati alla conclusione che una rogna in stato molto avanzato può sfigurare orribilmente coyote o ibridi simili facendo gridare al mostro chi non ha un’ottima conoscenza degli animali in questione e degli effetti di una certa malattia.

In definitiva il fenomeno Chupacabra è ben diverso dai suoi illustri colleghi in quanto a far scalpore non è tanto l’avvistamento in se quanto gli effetti pratici sulle innocenti vittime, quindi speculazioni a parte rimane seriamente da capire chi o cosa abbia provocato queste morti così simili tra loro.

Anche Coleman propende per l’ipotesi di gruppi di cani selvatici che essendo eccessivamente deboli assaltano le prede di nascosto e le consumano in tutta  fretta, senza divorarle completamente.

Quello che mi sconcerta è che delle decine di articoli che letto si da enfasi alla notizia dei ritrovamenti, sia del bestiame morto che degli ipotetici responsabili, si dichiara che gli animali verranno poi esaminati da studiosi e scienziati e poi non se ne sa più nulla. Ma forse è tutto parte di un meccanismo che non cerca risposte ma vuole alimentare la magia del mistero…

In futuro cercherò di fare degli update sugli avvistamenti più interessanti, per ora concludiamo il nostro viaggio alla scoperta del nostro dissanguagalline.

Vi lascio il link di uno dei maggiori siti italiani sull’argomento avvisandovi però che affronta il fenomeno Chupacabra con un particolare accento sul paranormale.

Chupacabra Mania.

Fenrir.

Come accennato in apertura di blog è mia intenzione dedicarmi non solo alle creature che hanno una percentuale seppur minima di esistere ma anche a tutte quelle derivanti dalla mitologia dei diversi popoli, grandi o piccoli che siano. Accantoniamo così per qualche istante la criptozoologia e avventuriamoci nei freddi paesi nordici per parlare di uno dei più terrificanti e imponenti protagonisti (in negativo) di canti e ballate.

Tra qualche mese l’ennesima trasposizione cinematografica di un fumetto ci farà conoscere il figlio di Odino, Thor, e il relativo pantheon quindi approfittiamo dell’occasione e addentriamoci in quel mondo.

Fenrir.

Fenrisúlfr.

Hróðvitnir.

Vánagandr.


E’ con questi quattro nomi che viene identificato il feroce e gigantesco lupo della mitologia norrena, colui che porterà morte e distruzione nel Ragnarök.

Ma andiamo con ordine.

Le fonti.

Quel che sappiamo di Fenrir, e più in generale della mitologia nordica, lo dobbiamo prevalentemente a due opere antiche : l’Edda poetica e l’Edda in prosa.

La prima è una raccolta di canti e poemi risalenti ad un periodo tra il nono e l’undicesimo secolo mentre la seconda è ad opera di Snorri Sturluson e nasce come un manuale di poesia scaldica ma vi si trovano al suo interno svariati canti diventati colonne della letteratura norrena.

Parlare di queste due opere è impresa lunga e complicata e devierebbe troppo dall’obiettivo dell’articolo perciò se siete curiosi di approfondire l’argomento i due link che vi ho proposto sono un’incredibile fonte di sapere da cui iniziare.

Per quanto riguarda i reperti archeologici possiamo affidarci a tre pietre in particolare:

  • la croce di Thorwald: è un frammento di una pietra runica eretta a Kirk Andreas, sull’isola di Man. Vi è raffigurato un uomo con una lancia, molto probabilmente Odino, con un corvo sulla spalla, mentre un lupo lo azzanna ad una gamba.

  • la croce di Gosforth: sui suoi 4.4 metri di lunghezza sono raffigurate diverse scene che sembrano appartenere sia al giorno del giudizio cristiano che al Ragnarök scandinavo. In particolare vi è una scena in cui un uomo sembra spalancare le fauci di un grosso animale: l’ipotesi principale è che esso sia Víðarr, colui che ucciderà Fenrir secondo la leggenda, ma ad un esame più attento l’animale in questione sembra un serpente piuttosto che un lupo quindi non vi è ancora la certezza che si tratti di quell’episodio.

  • la pietra di Ledberg: risalente al secolo undicesimo e situata nella centro omonimo in Svezia. La scena raffigurata sembra essere ancora una volta quella di Odino che viene ucciso da Fenrir.

Le origini.

La nascita di Fenrir è piuttosto bizzarra: il concepimento avviene quando Loki, il più subdolo dei figli di Odino, trova il cuore della gigantessa Angrboða mezzo arrostito in un falò. Dopo averlo divorato partorirà ben tre creature: oltre a Fenrir vedrà la luce il serpente Jörmungandr e la giovane Hel, una ragazza il cui destino sarà quello di presiedere al regno degli inferi. I tre verranno allevati nello Jötunheimr, uno dei reami dell’universo scandinavo.

Ma quando gli dei della casata di Odino verranno a conoscenza della loro nascita, il re in persona ordinerà di portarli al suo cospetto: tralasciando quello che capiterà al serpente e ad Hel (perchè vorrei tornarci in un futuro), Fenrir verrà risparmiato nonostante le oscure profezie sul suo conto, soprattutto in riferimento al suo ruolo nel Ragnarök. Rimarrà quindi tra gli dei ma la sua furia sarà talmente terrificante che solo Tyr avrà il coraggio di nutrirlo.

L’incatenamento.

Ma Fenrir cresceva ogni giorno di più e di pari passo andava la sua ferocia a tal punto che gli dei cominciarono a cercare una soluzione per renderlo inoffensivo: crearono quindi una prima catena di eccezionale resistenza, chiamata  Lǿðingr (Leyding, lenza o “ciò che lega con astuzia”) ma serviva un inganno per riuscire a imprigionare lo spietato lupo. Sfidarono così la bestia a spezzare la catena e così fece Fenrir.

Fu creata una seconda catena allora, Drómi(Dromi, catena o “ciò che trattiene”), e riproposta la sfida: Fenrir si accorse che questa era notevolvemente più resistente ma anche lui era cresciuto in forza e riuscì ancora una volta nell’impresa.

La preoccupazione crebbe negli dei che mandarono così il messaggero Skírnir presso dei rinomati nani per costruire un laccio indistruttibile di nome Gleipnir (un termine vicino alle sbeffeggiare o deridere): per poterlo forgiare erano necessari sei elementi:

  1. rumore di gatto;
  2. barba di donna;
  3. radice di roccia;
  4. tendini d’orso;
  5. respiro di pesce;
  6. saliva d’uccello.

Una volta ricevuto il laccio, che pareva di seta, gli dei si recarono sull’isola di Lyngvi in mezzo al lago Ámsvartnir e chiamarono Fenrir. Ancora una volta lo sfidarono con l’astuzia a rompere il laccio ma il lupo fiutò l’aura magica che circondava il nastro e parlò agli dei esprimendo i suoi dubbi e costoro lo rassicurarono che se non fosse riuscito a spezzarlo lo avrebbero liberato per sempre. Avvertendo un pericolo nascosto chiese che come pegno di fiducia uno di loro infilasse la propria mano nelle sue fauci: nessuno ebbe il coraggio di tale sacrificio, eccetto Tyr, l’unico  che in passato aveva osato avvicinarsi alla bestia per dargli da mangiare.

Come previsto il nastro immobilizzò completamente la fiera e gli dei cominciarono così a deriderlo: Fenrir, totalmente umiliato e pieno di collera prese così il sacrificio designato, ovvero la mano destra di Tyr.

Il nastro fu poi legato alla corda Gelgja e a sua volta all’enorme masso Gjöll mediante la pietra Þviti (Thviti): in un ultimo sussulto di ferocia Fenrir spalancò le fauci che vennero immobilizzate piantandogli una grossa spada. Il fiume di saliva che ne deriverà sarà chiamato Van (speranza). Qui l’immane bestia resterà fino al giorno del Ragnarök.

La fine di tutto.

E giungerà infine il giorno del Ragnarök, in cui tutti i legami si scioglieranno, scorrerà il sangue e le catastrofi naturali devasteranno il mondo: ognuno si scontrerà con la propria nemesi e così avverrà anche per Fenrir.

Il potere di Gleipnir finirà ed il feroce lupo porterà morte e devastazione nei vari reami, così come era stato predetto nelle profezie, arrivando persino a divorare il sole (anche se non è chiarissimo se questo avverrà per merito suo, le fonti son discordanti).

Lo scontro finale avverrà contro Odino che lo affronterà con la magica lancia Gungnir finendo però sconfitto e morendo: verrà vendicato dal figlio Víðarr(Vidar) che fermando la mandibola con un piede spalancherà la mascella fino al cielo per poi uccidere definitivamente la bestia trafiggendone il cuore con la spada.

Finisce così la storia di Fenrir che non vedrà la resurrezione nel dopo Ragnarök.

La prole.

Fenrir viene spesso indicato come il progenitore unico dell’intera stirpe di lupi ma in particolare si narrà dei suoi due figli, i lupi Skoll e Hati: allevati entrambi da una vecchia nella foresta di Járnviðr avranno due ruoli simili.

Il primo inseguirà il carro del sole per poterlo divorare e compito simile avrà Hati con quello della luna: ciò avverà infine nel Ragnarök (anche se come detto secondo alcune versioni il sole verrà sbranato da Fenrir).

Citazioni.

Come vedete Fenrir possiede un fascino e un carisma di proporzioni epiche, è quindi normale che venga omaggiato o ripreso molto spesso: questo avviene soprattutto nei moderni videogame o romanzi fantastici, citarli tutti è davvero impossibile ma quando tale omaggio avviene Fenrir viene raffigurato in tutta la sua maestosa ferocia.

Il consiglio per potersi avvicinare a Fenrir e alla mitologia norrena in generale è di procurarsi l’Edda in prosa e l’Edda poetica: della prima l’edizione consigliata è quella del 1975 di Gianna Chiesa Isnardi, ripubblicata nel 2003 da Tea; della seconda c’è un’edizione Garzanti del 2004 chiamata Il canzoniere Eddico.

Infine non potrei concludere non citando il sito di riferimento per quanto riguarda miti scandinavi e non, sito sul quale ho fatto diverso affidamento per redigere l’articolo, ovvero il sito di Bitfrost, una fonte inesauribile ed estremamente competente che contiente una sterminata quantità di materiale.

L’Allghoi Khorhoi.

Vorrei dedicare il primo “vero” articolo alla creatura che mi ha spinto in tutta fretta ad aprire questo blog, d’istinto e senza pensarci troppo: nonostante la mia passione per le creature fantastiche e misteriose sia di lunga data, è solo pochi giorni fa che mi è ricapitato sotto mano questo mistero della natura. Mi affascina da più di dieci anni e vedendo un articolo su un prossimo programma dedicato alle “creature nascoste” ho avuto la spinta per poterne parlare.

A costo di risultare noioso devo ancora una volta ricordarvi che non sono un naturalista e non ho le conoscenze per parlarne in modo scientifico, vedetemi come un cantastorie che cerca di solleticare la vostra curiosità.

Allghoi Khorhoi quindi o, come più comunemente noto, Mongolian Death Worm.

Una rappresentazione della creatura secondo lartista belga Pieter Dirkx.


Come mai sono così affascinato da questa creatura?

Beh, è esattamente il sunto di quello che si cerca in una creatura misteriosa: è sufficentemente “leggendaria”, ha un aspetto mostruoso e ha delle capacità al limite dell’incredibile. In coda all’articolo parlerò anche delle derive cinematografiche che son state ispirate da questo strabiliante essere ma per adesso cominciamo ad esaminarlo seriamente (per quanto può essere possibile).

Questo grosso vermone è un criptide, è quindi una creatura finora non documentata realmente, tutto ciò che si conosce a proposito si basa sulle testimonianze delle persone che ne sono entrate in contatto e perciò anche questo articolo si baserà su queste voci.

Perchè così terrificante e affascinante quindi? Secondo quanto si sa questo abitante del Deserto del Gobi è un grosso verme di un colore rosso acceso che può arrivare a raggiungere la dimensione di un metro e mezzo: la sua pericolosità è data da due mortali abilità, quella di sputare un liquido allo stesso tempo corrosivo e velenoso e la capacità di emettere scariche elettriche abbastanza letali da uccidere un cammello.

Prima di iniziare un appunto sulla seguente fotografia: molti siti la spacciano come vera, uno “scheletro” dell’Allghoi ma in realtà si tratta semplicemente di uno dei tanti lavori di finta tassidermia dell’artista Takeshi Yamada. Nonostante sia finto non fa che aumentare le fantasticherie a proposito della creatura rendendola ancora più intrigante.

Un ipotetico scheletro della creatura.

Le spedizioni.

Il primo uomo che portò le testimonianze della sua esistenza al “grande pubblico” fu il naturalista ed esploratore Roy Chapman Andrews nel 1926 durante una delle numerose spedizioni, tante delle quali proprio in Mongolia. Qui Chapman per la prima volta sentì delle voci dagli abitanti del luogo che parlavano di uno strano verme che viveva sottoterra e assaliva animali e persone con le abilità sopracitate.

Il nome deriva dal mongolo olgoi-khorkhoi e significa più o meno verme intestino poichè ricorda l’aspetto di un intestino, di mucca per essere precisi: lo studioso arrivò alle conclusioni che nessuno aveva realmente visto l’esemplare in questione ma tutti erano fermamente convinti della sua esistenza, segno che certe leggende e tradizioni culturali erano molto radicate nella popolazione indigena. Più o meno ogni popolo ha il proprio spauracchio o babau e sembra proprio che per i mongoli l’Allghoi si sia appropriato di questo ruolo. Chapman parlerà di questo e della sua spedizione nel libro On the Trail of Ancient Man.


Uno dei più grossi “cacciatori” del nostro caro vermiciattolo è Ivan Mackerle, un criptozoologo ceco, che spinto dalle voci di uno studente universitario mongolo decise di organizzare una spedizione nel 1990, anche grazie alla caduta del comunismo, trovando però solo gente terrorizzata al solo parlarne. Con molta difficoltà riuscì a raccogliere diverse testimonianze scoprendo che la creatura sembra prediligere i mesi estivi per uscire dal letargo in cerca di cibo e che sembra essere attratto dal colore giallo. La spedizione, così come le successive due nel 1992 e 2004, saranno però infruttuose dal punto di vista pratico, riuscendi a racimolare solo i passaparola e le esperienze visive degli abitanti.

Un altro criptozoologo, tra i più affermati e competenti di oggi,  porterà all’attenzione del grande pubblico la leggenda del Mongolian Death Worm: nel 1996 Karl Shuker ne parlerà nel suo libro The Unexplained e in altri volumi successivi. La sua tesi principale è che il verme in questione altro non sia che un’Amphisbaenidae,  una particolare famiglia di amphisbaenians, quindi non un verme ma qualcosa di più simile a un rettile.

Un’altra spedizione degna di nota è quella del CFZ (Centre for Fortean Zoology) che nel 2005, guidati da Richard Freeman, hanno passato un mese alla ricerca dell’insolito verme tornando ovviamente a mani vuote: il resoconto di quel viaggio è diventato un documentario in due parti che potete vedere qui e qui.

Infine il reporter David Farrier, affascinato proprio dai racconti di Freeman, organizza nel 2009 una spedizione personale che anche stavolta non porterà a risultati effetivi se non l’ennesimo documentario fatto di testimonianze locali. Sul suo blog dedicato al progetto potete leggere le sue esperienze.

Uno studio della creatura secondo Rob Farrier.

Le ipotesi.

Come detto in precedenza ci sono gli scettici e i sostenitori dell’esistenza di un criptide, anche in questo caso vengono sollevati dei dubbi che i criptozoologi tentano di spiegare razionalmente.

Prima di tutto le dimensioni, per molti un metro e mezzo è esageratamente troppo per un verme ma in realtà abbiamo esempi che smentiscono questa affermazione, come il giant Gippsland earthworm che può arrivare a ben 3 metri di lunghezza.

Per quanto lanciare fulmini sia più un’esagerazione da fumetto o film horror è noto il fatto che le anguille elettriche riescono a generare delle scariche di circa 600 volt che possono stordire o anche uccidere eventuali prede o nemici. Per ora gli unici esemplari con questa capacità si trovano sui fondali marini, l’ipotesi è che il death worm sia un’evoluzione di un particolare tipo di anguilla elettrica (che comunque è un anguilla solo nell’aspetto, appartenendo alla famiglia dei Gymnotiformes) vissuta in antichità in quello che un tempo era un oceano e ora è il deserto del Gobi. A rafforzare questa ipotesi sono le testimonianze che indicano come i periodi dopo le pioggie, quando la sabbia è bagnata, quelli in cui gli Allghoi escono in superficie.

Riguardo al veleno corrosivo anche qui possiamo essere in presenza di un’esagerazione ma potrebbe essere un metodo simile a quello di molti ragni che “sciolgono” le prede all’interno per poterle divorare più agevolmente. Esistono comunque particolari specie di cobra che sputano il proprio veleno di qualche metro.

In definitiva è un po’ il vecchio gioco del telefono: se hai 20 persone che si bisbigliano una frase state certi che la prima e l’ultima saranno diverse al limite dell’assurdo ma la ventesima contiene comunque un fondo di verità, sicuramente esasperato. E così funziona con le storie e credenze popolari che solitamente si tramandano per via orale, magari per spaventare i più piccoli, quindi dopo anni e anni la storia si modifica, nuovi terrificanti particolari vengono aggiunti e la creatura diventa sempre più spaventosa.

Esistono poi le teorie più fantasiose che parlano di radiazioni e mutazioni dovute agli esperimenti nucleari compiuti durante gli anni della guerra fredda, per non parlare dell’immancabile progetto ultrasegreto del solito governo che ha creato nuovi mostri in laboratorio.

Per ora la tesi più plausibile è quella citata da Shuker, con la possibilità che le suddette abilità dell’animale esistano anche se in maniera non così amplificata.

La finzione.

Converrete con me che il nostro vermetto ha un fascino non indifferente e possiamo perciò ritrovare dei richiami, voluti o meno, nella moderna cinematografia “leggera”.

Anche se in questi casi ci troviamo ad esagerazioni ancora più mostruose è indubbio che vedere certe creature sulle schermo ci faccia pensare al terrore della Mongolia.

E allora come dimenticare i serpentoni a strisce di Beetlejuice, o gli immensi Shai-Hulud di Dune, o ancora i più recenti e famosi Graboid della serie Tremors.

Le proporzioni dei vermoni della fiction cinematografica.


Infine un recente film tv che prende il nome dall’omonimo protagonista.

Siamo giunti alla fine di questo nostro viaggio alla scoperta del letale verme della Mongolia e mi auguro di aver fatto scoccare la scintilla della curiosità in alcuni di voi. Sperando che i grossi vermoni non popolino i vostri prossimi incubi vi lascio e vado a cercare qualche altro esemplare nascosto da presentarvi nelle prossime puntate.

La Criptozoologia.Parte seconda.

La scorsa volta abbiamo introdotto la criptozoologia dandone qualche cenno sulla nascita e sui fondamenti di base e iniziato a spiegare di come sia considerata una pseudoscienza, quindi poco ben vista dalla comunità scientifica.

Ma perchè zoologi e naturalisti non vedono di buon occhio questa branca impropria delle scienze naturali?

I motivi sono diversi e alcuni appaiono fondati e plausibili: prima di tutto, come accennato nel precedente articolo, il grosso del danno all Cr. viene fatto dagli stessi appassionati quando non riescono a contenere l’entusiasmo e non mantengono i piedi per terra durante le loro ricerche. Per poter avere credibilità una scienza deve avere delle basi culturali inconfutabili e alle quali nessuno può obiettare. Insomma, bisogna avere una conoscenza vastissima per poter escludere ogni possibile eccezione, coincidenza o semplice fatto anomalo. Lavorando in gran parte su testimonianze altrui il minimo che si possa fare è limitare i danni escludendo con assoluta certezza le specie che sono già…conosciute.

Cerco di spiegarmi meglio: tra i più famosi criptidi ai quali gli studiosi cercano di dare una spiegazione è il chupacabras. Tornerò in futuro a parlarne ma per ora posso dire che la maggior parte delle volte che spunta fuori un cadavere che si presume essere un chupacabras in realtà è una specie di coyote per niente sconosciuta ma semplicemente affetta da qualche malattia in stato avanzato o malformazione genetica. Dopo aver gridato al miracolo  si scopre che quella che si ha sottomano è l’ennesima bufala perchè non si sono esaminate tutte le possibilità con dovuta perizia.

Altre volte, sempre sull’onda dell’entusiasmo, si escludono spiegazioni scientifiche (e a volta pure ovvie) che distruggono rapidamente le tesi prodotte: pensate a tutti gli avvistamenti poco chiari dei criptidi palustri (Nessie ad esempio) dove le increspature dell’acqua hanno decine di spiegazioni banalissime .

E’ proprio questo l’appunto più grosso che viene mosso alla Cr. ovvero la mancanza di riscontri reali: ognuno tira l’acqua al suo mulino. Se per lo scienziato la mancanza di prove è la certezza della non esistenza di una data creatura, allo stesso tempo il criptozoologo afferma che non vi è neppure la prova scientifica della non esistenza, insomma un circolo vizioso senza fine.

Ma gli amanti della Cr. replicano con argomentazioni altrettanto fondate e credibili: prima di tutto si parte dall’assunto che le specie animali esistenti sono tantissime ed è impossibile che siano state tutte catalogate essendo una buona parte del globo (beh, forse non così grande…) ancora incontaminata ed esplorata. Molti criptidi infatti sono tali per noi ma non magari per le tribù che vivono in quell’area. Inoltre come detto si basa su reali conoscenze degli altri rami della scienza quali biologia e zoologia.

In realtà non c’è un odio totale verso la Cr. ma uno dei problemi è che la gran parte degli appassionati si dedica prevalentemente alle creature che hanno un grosso richiamo mediatico, le grosse stranezze della natura per intenderci: parlo chiaramente di Bigfoot, Mokele Mbembe e compagnia. Se infatti venisse dedicata più attenzione e cura verso le centinaia di specie minori (per dimensioni) la criptozoologia verrebbe non solo tollerata ma anche supportata.

Ma un punto su cui i criptozoologi ribattono con fermezza…beh è dato proprio dalle scoperte della discipina, infatti tra tanti buchi nell’acqua e bufale varie (inventate o meno) per fortuna ci sono stati svariati successi. Partendo dallokapi, che divenne anche il simbolo dell’International Society of Cryptozoology, passando per il Celacanto e arrivando a quello che un tempo era un vero e proprio animale leggendario, il calamaro gigante (riparlemo in futuro e con calma di queste specie).

La prossima volta, a meno di improvvisi cambi di umore, incontreremo il nostro primo criptide, gli amanti dei vermetti accorrano numerosi, a presto!

La Criptozoologia.Parte prima.

Nella scorsa introduzione ho accennato a un particolare gruppo di soggetti studiati da una strana disciplina, la Criptozoologia (da ora abbreviato in Cr.), termine abbastanza sconosciuto al grande pubblico e che merita quindi un approfondimento per capire di cosa si parla esaminando determinate creature che affronterò in futuro. Per non rendere troppo pesante la lettura dividerò l’articolo in più parti in modo da rendere digeribile il “malloppone”.

Piccolo avvertimento: io non sono uno studioso di alcun tipo, non sono naturalista, biologo, zoologo, antropologo, paleontologo o qualunque altro “ologo”. La mia è una semplice passione, il fatto che tenti con questo blog di affrontare certi temi non mi eleva a rango di scienziato: cercherò di essere il più accurato possibile ma consideratemi come un bambino in un enorme parco giochi che ama stupirsi e non disintegrare completamente ogni fantasia legata ad una particolare creatura.

Detto questo esaminiamo l’etimologia del termine che deriva dall’unione delle radici greche delle parole kryptos (nascosto), zoon (animale) e logos (discorso): in definitiva è la scienza degli animali nascosti.
Il termine è stato coniato da colui che è considerato il padre fondatore della disciplina moderna ovvero Bernard Heuvelmans (zoologo belga, 1916-2001) ma lo stesso H. si accorse che il primo a utilizzare questa parola fu il naturalista scozzese Ivan T. Sanderson (1911-1973).
Di cosa si occupa quindi questa “pseudoscienza” ( tra poco torneremo ampliamente anche su questa definizione) e chi sono questi criptidi o animali nascosti?
La criptozoologia cerca di dare una spiegazione a specie animali sconosciute e delle quali non si hanno ancora prove tangibili: gli unici elementi che indicano la loro esistenza sono le testimonianze dirette o tramandate, residui di peli, ossa o altre parti del corpo, impronte sul terreno. Nessun cadavere da studiare, meno che mai esemplari vivi, solo congetture e avvistamenti che nel migliore dei casi producono materiale fotografico sfuocato e inattendibile.

Sembrerebbe una caccia ai fantasmi quindi.
Sì e no.
Nonostante venga additata da molti studiosi come una pseudoscienza (al pari di astrologia e omeopatia) per poter affrontare questa disciplina con serietà servono delle notevoli conoscenze di zoologia e biologia: l’errore più grande infatti è scambiare una particolare specie come “sconosciuta” semplicemente perchè non si hanno i fondamenti per riconoscerne l’effettiva esistenza. Se non ho mai visto una giraffa per me sarà sicuramente un animale sconosciuto. Allo stesso modo possiamo espandere questo concetto riferendoci ad angoli di mondo superficialmente esplorati dove magari le tribù indigene ben conoscono particolari animali che ancora la cosiddetta “civilità” non ha incontrato.
Non solo animali sconosciuti però, la criptozoologia si occupa anche di specie la scienza ritiene estinte o su razze lontane migliaia di Km dal loro habitat naturale.

E’ una ricerca che lascia senza “trofei”: una volta stabilita l’esistenza di una data specie questa cessa di essere un criptide e viene ufficialmente classificata nel mondo della zoologia vera e propria.
Bella rogna eh?

Tanti sono i motivi per cui la criptozoologia viene malvista: tra questi sicuramente non giova la spettacolarizzazione e pubblicità di molti che studiosi non sono ma che da semplici amatori spesso ridicolizzano chi con sforzi e passione si dedicano seriamente ad ottenere dei risultati. Inoltre siamo nell’era delle nuove teconologie, un qualsiasi ragazzino di 12 anni con un computer e un minimo di talento può riuscire a ingannare per giorni il mondo intero con sofisticati fotomontaggi (un hoax o fake): il fatto che venga poi smentito quasi subito da altrettanto talentuosi individui poco importa, il danno è fatto e di certo non aiuta a risollevare il nome della criptozoologia.

Inoltre spesso si inglobano nella disciplina anche ufologi o appassionati di paranormale che tentano di associare la Cr. ad extraterrestri, creature fantastiche, fantasmi o simili, anche se niente di tutto ciò è riconducibile ad un criptide. La brutta nomea quindi inizia proprio da questi “esperti” all’interno del loro campo. Perciò quello che il grande pubblico ricorda dell Cr. sono le storie di Nessie e dei vari Bigfoot quando in realtà il lavoro di studio è molto più amplio. Effettivamente ad un’analisi approssimativa sembra che il grosso degli amanti di questa pseudoscienza si dedichino maggiormente alle creature di grosse dimensioni, in particolare alle creature lacustri e marine, ai grossi mammiferi e agli ominidi.
In realtà le specie ancora catalogate sono a migliaia, soprattutto tra gli insetti o gli animali/pesci di ridotte dimensioni ma è indubbio il fascino che possibili discendenti di dinosauri, primati evoluti o strambe creature abbiano sull’immaginario collettivo il che porta numerosi appassionati a dedicarsi maggiormente a questo tipo di ricerche.

Come detto prima per approcciarsi alla Cr. bisogna avere alle spalle un elevato bagaglio culturale e soprattutto essere capace di distinguere un semplice difetto fisico o malattia da una possibile nuova specie: il lavoro di studio è durissimo quindi, bisogna cercare i dettagli più minuziosi traendoli dalle testimonianze a volte confuse di chi ha avvistato tale esemplare.

La prossima volta esamineremo i dubbi che vengono sollevati dalla comunità scientifica a proposito di questa branca “impura” della zoologia e le difese che usano invece i loro appartenenti per tentare di trovare un prestigio giustificato agli occhi dei loro colleghi.

Paure.

Tutti hanno paura di qualcosa. Anche se forse ancora non lo sanno.

Aprire un secondo blog quando il primo è aggiornato sporadicamente è come impiccarsi dopo aver preso del veleno: uno dei due ce la fa sicuramente. Questa volta però l’argomento è decisamente più serio, se nell’altro si parlava con leggerezza degli anni 80 qui proverò ad accantonare per un istante la mia vena demenziale per esplorare un mondo che mi affascina sin da bambino.

Cominciamo con il titolo del blog, incubi sfuocati, perchè questa scelta?

Chi non ha mai visto qualche foto o filmato delle cosiddette “creature” misteriose?

Bigfoot, UFO, il mostro di Lochness.

Tutte stranamente sfuocate, nell’era delle grandi tecnologie, dove chiunque è un videoamatore improvvisato che gira per la strada con una macchina digitale…beh, incredibilmente quando i soggetti ripresi sono quelli citati le immagini non sono mai nitide.

E io parto da questo assunto: se fossero ben visibili siamo sicuri che ci spaventeremmo altrettanto?

Non è che forse le nostre paure sono dettate  dall’ignoranza, dal non sapere esattamente cosa ci troviamo di fronte?

Non siamo come degli Aztechi di fronte alla prima visione di un cavallo?

Penso che si possa avere paura per due motivi: perchè sappiamo con precisione che quel che abbiamo davanti è pericoloso oppure perchè non lo conosciamo e l’aspetto è terrificante.

Abbiamo paura di uno squalo a prescindere: anche se non sapessimo che è pericoloso l’aspetto minaccioso ce lo farebbe temere.

Ma se conoscessimo solo i gatti una tigre non ci sembrerebbe solo un grosso felino?

La paura non è necessariamente un aspetto negativo della nostra vita se presa in dosi non eccessive: la paura ci permette di stare alla larga da potenziali pericoli; noi stessi ci sottoponiamo volontariamente a condizioni di terrore per avere una scarica di adrenalina (sport estremi, montagne russe o un semplice film horror). In piccole dosi la paura è perfino…divertente.

Ok, tante parole ma ancora non ho spiegato bene di cosa si occuperà questo blog.

Beh, io sin da piccolo rimanevo affascinato dai cosiddetti mostri: creature fantastiche che vedevo nei film, delle quali leggevo nei libri magari accompagnate da terrificanti illustrazioni. Crescendo questa passione è rimasta ma si è ampliata: se prima rimanevo estasiato di fronte alle mostruosità di miti e leggende oggi scopro che esiste un mondo molto più plausibile, di creature sconosciute ma ugualmente terrificanti che permettono addirittura un approccio pseudoscientifico.

Quindi su queste pagine tratterò i due lati di questo mondo: da una parte le creature totalmente di fantasia, tramandate da storie antichissime che non ne hanno fatto morire il mito, dall’altra mi addentrerò nel mondo della criptozoologia curiosando alla ricerca di improbabili specie animali che sfiorano l’immaginario di un libro fantastico.

Ovviamente non sono uno scienziato, un biologo o altro ma un semplice appassionato quindi è molto probabile che arrivi a dire qualche sciocchezza nel qual caso sono aperto a qualsiasi correzione.

Inoltre vorrei che gli articoli fossero abbastanza accurati ed esaustivi quindi i tempi di pubblicazione potrebbero essere un tantino lunghi (e già in quell’altro non scherzavo a lentezza).

Ho citato alcuni esempi poco fa come il Bigfoot, in realtà vorrei evitare di affrontare questi argomenti maggiormente conosciuti, vorrei dedicarmi alle decine di creature realmente sconosciute ma altrettanto particolari o spaventose. Forse potrei inizialmente dedicare qualche articolo a Nessie e compagnia giusto per rompere il ghiaccio ma devo pensarci su.

Spero di aver solleticato abbastanza la curiosità di qualcuno di voi, per ora mi fermo qui, vorrei poter dire “a presto” ma meglio evitare le bugie all’inizio di una relazione 😀

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: